Fausto Balbo "Login" Reviews

On IGLOO MAGAZINE

I firstly discovered the music of Fausto Balbo thanks to his collaborative work with another Italian electronic wizard, Andrea Marutti. At this time I was already highly impressed by the sonic drawing sound architecture of his music. Published in 2010, Detrimental Dialogue offers sophisticated, colorfully diversified and well balanced electronic compositions. The result was quite unique and sensational in terms of ideas and textured sound dynamics. This last album entitled Login seems to follow the same musical path. The conceptual background illustrates the evolutive and genetic system of information in an excessively developed human culture where the virtual, the simulacrum are intertwined in the empirical-sensitive reality. The specific musical tapestries offered by Login sonically approach sounds matrixes and the fractal energies which prevail in the “deterritorializing” process. The musical plan is spherically sonorous and significantly timbral, inviting the listener to be absorbed into an exclusive and singular phenomenological sound experience: affective projections and entranced-neurotic attraction. The album starts with an hyper-active and psychoacoustic piece made of proliferating molecular electronic sequences sustained by a hauntingly palette of sounds. “Harvester of Bits” is an eloquent, massive and ravishing dronescaping arcane covered by a-directional fractal moves. “Virus Scan” introduces the listener into a similar path with the add of subterranean hypnotic bass lines and ominous synth chords. “Hardmysticmeeting” is a powerful and hauntingly esoteric-demonic piece which deliberately associate synthedelic grooves and mechanical interferences. An incredible sense of depth and complexity for an electronic based piece. “Walkin with Klaus” delivers a luminous kosmische synth excursion with some circular progressions and smooth melodious lines. A superb emotional electronic minimalist spacey sounding piece. “Fake Reality-Logout” is a captivating exploration on spiraling electronic territories. A sumptuous abstract synthesized melody and a wide range of timbral dynamics in the sound-texture. Login can be considered as a pinnacle of experimentation in contemporary electronic music, constantly fascinating with deeply moving sound metamorphosis. A revolutionary “rhizomatic” and sonic instrumental approach. A very peculiar and tremendously lysergic sounding quality in the world of kinetic-process music. Absolutely recommended.


On BABYSUE

Cool experimental sound compositions from Italy's Fausto Balbo. This creative gentleman began making music in the late 1980s and has been pushing the boundaries of sound ever since. Login is an intriguing album because it not only presents sound as music...but it also incorporates some very slight musical elements into the equation that give listeners the ability to follow some concrete subtle melodies while their minds are being expanded. The electronics on these tracks combine blips and bleeps reminiscent of early pioneers from the 1970s... while other sounds are most definitely twenty-first century in nature. There's a great deal to take in here in terms of sound and creativity. We can only recommend this to folks who are into far out experimental stuff--this is probably a bit much for folks who simply want something catchy to dance to (heh heh heh...). This fellow is obviously on top of his game and knows how to use technology to his advantage. Eleven bizarre tracks here including "Login," "My Chatroom...My Life...My Distress," "Walkin' With Klaus," and "Will Future Man Develop A Third Ear?" Super smart and inventive music from another dimension... TOP PICK.


On KULTURTERRORISMUS

FAUSTO BALBO, seines Zeichens kein Unbekannter in Sachen elektronische Spielereien, die der Italiener auch auf seinem aktuellen Album “Login” zum Besten gibt, das zwischen undurchdringlicher Verquastheit & bewegenden Melodien, welche der Maestro zum Teil schichtete, variiert. Nach der Kooperation “Detrimental Dialogue” (2011) mit Andrea Marutti erscheint auch “Login” über das italienische Label Afe Records, das die CD gemeinsam mit Snowdonia, dem Verlag von FAUSTO BALBO, auflegt. “Login” eröffnet einen persönlichen Einblick von FAUSTO BALBO in die Welt der Bits & Bytes, zudem lädt er zu Gesprächen in seinen Chatroom und gibt einen Ausblick in die Zukunft, welche eine virtuelle Reise ins World Wide Web darstellen. Insgesamt eine sehr passende Thematik die FAUSTO BALBO für seine Tonkunst wählte, deren Strukturen die technischen Details der vertonten Inhalte eindrucksvoll vor Augen führen. Heißt, Freunde von Konzeptwerken sollten “Login” alleine aufgrund seiner eng verzahnten musikalischen wie inhaltlichen Materie unbedingt antesten. Wer auf “Login” mehrheitlich synthetische Frickeleien erwartet, dürfte von ohrenscheinlichen Trompetenklängen überrascht sein, die FAUSTO BALBO wie den kompletten Rest aus der freien Software Nord Modular G2 (Clavia) herausholte, deren Qualität Sounds eröffnet, welche handgemacht bzw. organisch anmuten, wodurch die Gesamtheit sehr variabel wie kraftvoll rüberkommt. Im Endeffekt liegt der Fokus aber auf experimentellen Toncollagen, in denen Melodien hinten dran stehen & Störsequenzen in Kombination mit verquasten Soundflächen das Klangbild dominieren. Krautrock bzw. Berliner Schule trifft Noise Ambient/ Drone beschreibt “Login” von FAUSTO BALBO wohl am Ehesten, dem eine Menge Aufmerksamkeit zukommen muss, ansonsten gehen eine Menge Details im “Gewirr” unter! Anspieltipp? Individuen, die die komplexeren Werken bevorzugen, finden in “Login” von FAUSTO BALBO ein Licht vor, hingegen der Rest schaltet garantiert ab!


On MONSIEURDELIRE

Login propose un voyage à travers l’espace et le temps. Fausto Balbo, à partir d’une lutherie restreinte, a concocté une série de pièces qui nous transportent des pionniers de la musique électronique à la kosmische musik, en passant par le glitch, l’ambiant et le très expérimental (“Will Future Man Develop a Third Ear?” est faite d’émissions otoacoustiques pour chuinter dans l’oreille interne – une longue et pénible pièce qui nuit au disque). Beaucoup de choses agréables, une belle courbe d’écoute (à l’exception de la dernière pièce sus-mentionnée), une lancée créative qui se maintient: c’est du solide.


On SIDE-LINE

Fausto Balbo has already released several albums and now strikes back with his newest opus. Balbo was previously involved in the metal-minded project Der Tod, but his solo-project definitely features other influences. “Login” is pure experimental-like. It sounds like an exploration into the most hidden corners of electronic music. This composition is an expression of sound manipulations and often reminded me of the good-old years of analogue electronics where the creation of sounds sometimes appeared more important than composing a song properly speaking. But the least I can say is that Fausto Balbo takes his audience by surprise, revealing an impressive strength of sounds. I here and then noticed a few metal-elements (like the percussion on “Hardmysticmeeting”), but globally speaking this release is about minimalism and experimentations. There’s no better example than the last cut “Will Future Man Develop A Third Ear?” that moves on for nearly 18 minutes. A sharp resonating sound literally tortures the listener the entire track long, but is not exactly the most original and accessible format to increase a fan basis. The most fascinating aspect of this track is that it’s based upon spontaneous emissions inside the human ear. “Login” is based upon a novel of Herman Hesse and wants to be an imaginary journey through the web, where we all can explore new realities! It sounds surreal, but totally in balance with the sound created by Fausto Balbo. I can’t say that I am a lover of such an experiment although I have to admit that some manipulated sounds are quite efficient. I would have preferred to hear these sounds being used in a more ‘music’-type of music than remaining experimental.


On DARKLIFE

Fausto Balbo tackles the theme of humans surrendering themselves to virtual versions of a reality they seem increasingly incapable of living "as is". This is a personal take on the issue, but after enjoying the listening of his latest album for weeks now, I could be forgiven for thinking this isn't possibly too far from the author’s own view. Login is thematically inspired by the novel Steppenwolf by Herman Hesse, in some passages of which the main character walks down a hallway with endless doors, behind each of which a new, mysterious dimension would take shape. Similarly, in this album he opens a number of uncanny realms for the listener, under the guise of sonic wanderings into areas that our receptors are not generally too acquainted with. Long-winded way to say that Fausto Balbo experiments heavily with electronic, or even virtual, sound creation, moving freely between hints of cosmic "kraut" electronics and the contemporary glitch'n'buzz based experimentation, de facto bridging the two with his fluent creations. The homage to Klaus Schulze seems all too evident in Walking with Klaus, which, paired with Hardmysticmeeting offer the most accessible moments of the album, both featuring structured rhythmic elements. The latter is also one of the darkest tracks in the album, with ominous atmospheres that evoke some imaginary cyber-horror flick. The intoxicating and dynamic layers of micro and glitchy sounds and noises, buzzes and crackles, interferences and endless filtering and modulations, give the thematic futuristic edge, and are adequately complemented by slow evolving sequences and synthetic avant-gardist sound creations, leaving the listener totally enveloped in a multi, or even non-dimensional collage of piercing neuronal stimula. Harvester of Bits and Virus Scan are two stand-out tracks in this respect. Fake Reality - Logout is the conceptual end of the journey, a multi-textural layered creation that grows into a sinister hallucinatory piece towards the end, swallowing up all, except for a grim cosmic requiem that eventually fades out, thus conveying in me the feeling that the Fake Reality is far from a step forward after all. Worth of mention are also two tracks that employ Distortion Product Otoacoustic Emissions, a technique that triggers spontaneous sound emission within the human ear, practically resulting in ear piercing sounds and buzzing stimula. One of the tracks is a short interlude within the album, while the second is a seventeen-minute coda to the disc, offering the perfect opportunity to move without uncertainty in a virtual triangular reality made of you, the listener and your stereo speakers. Hit play again on the player and re-play the album after this, and you'll feel like you are listening to pop electronics instead.


On BAD ALCHEMY #75

FAUSTO BALBO Login (Afe Records, afe130cd): Ich denke mal, dass Balbos Tatoos noch aus der Zeit stammen, als er Ende der 80er mit Jesus Went to Jerusalem und in den 90ern mit Der Tod noch hardcore und metallistisch unterwegs war. Sein Alleingang Zero (Snowdonia, 2000), angeregt durch J. G. Ballards Concrete Island, zeigte ihn dann schon durch neue Lektüren und Filme elektronisch umorientiert. In den letzten 10 Jahren folgten weitere Soloveröffentlichungen und Kollaborationen mit Afe-Macher Andrea Marutti bzw. mit Mark Iacona als Marfaus. Hinter Login steckt Harry Hallers Taumel durch das Mysterientheater in Hermann Hesses Steppenwolf, wobei Balbo das als Update im Web mit seiner 'Fake Reality' und virtuellen Räumen wie dem 'Bird's Room' und 'Clozier's Room' inszeniert. Wenn ich darin eine Hommage an Christian Clozier vermuten darf, den Mitbegründer der Groupe de musique expérimentale de Bourges, dann in 'Walking With Klaus' einen Spaziergang mit Klaus Schulze? Balbo ist nämlich so traditionsbewusst, um nicht zu sagen, so nostalgisch, seine Musik gänzlich mit einer freien Softwareversion des Nord Modular G2-Clavia zu realisieren, bekannt für seine Simulationsfähigkeit von Analogsynthiesound und damit speziell auch dem 'kosmischen' Sound. Bei 'Hi Mr. Kemp', wahrscheinlich einem kurzen Gruß an Andrew Kemp und dessen Quantum K-Projekt, und dem auf fast 18 Min. ausgedehnten finalen 'Will Future Man Develop a Third Ear?' benutzte Balbo dann DPOAE (Distorsiv produzierte otoakustische Emissionen), Verzerrungsprodukte, wie sie diagnostisch bei Hörtests verwendet werden, die einem hier insektoid um die Synapsen sirren. Ihre Tauglichkeit als Mittel der Irritation und als Transporter der Imagination kann ich dieser Elektronik mit einem 'befriedigend' bestätigen.


On WONDERFUL WOODEN REASONS

AFE are one of the labels of quality that I'm lucky enough to get regular mailings from. This newest one to reach my ears is an absolutely cracking assemblage of glitchy, electronic phantasms, pulse quickening electronica and dissonant cosmic excursions. Made using only a free to use virtual synth Balbo has really done an exemplary job of extracting the variety of sounds, textures and colours on display. The album has a restless quality that is continuously reappraising itself and expanding and contracting in order to fold itself into the next idea. I'm most impressed by this and have been listening to it for most of the last three days. It's one that is most definitely for fans of synthesis but equally one that will reward most pairs of adventurous ears.


Su OLTRE IL SUONO & ELECTRONIQUE

Come i "frequentatori" di Oltre il Suono probabilmente già sanno, la musica basata su suoni di matrice prettamente elettronica non è quella che preferisco. Abitualmente per i miei ascolti ricerco suoni di natura più "organica" e musica che unisca ad una quasi inevitabile presenza di suoni sintetici una sostanziale presenza di materiale sonoro di origine acustica, o, in senso più generale, "naturale". Nonostante questa premessa debbo dire che non ho pregiudizi di sorta, e avendo già avuto occasione di ascoltare, e anche apprezzare, il precedente CD di Fausto Balbo in collaborazione con Andrea Marutti "Detrimental Dialogue", mi sono avvicinato al presente "Login" con grande curiosità… Ebbene, l'impressione che ho avuto, nonostante le mie personali "idiosincrasie" verso alcune sonorità, è stata quella di un album fortemente ispirato, di grande spessore e di grande fascino. Se solo Fausto Balbo riuscisse a "contenere" un po' i massicci inserti di "disturbi elettronici", facendo prevalere gli elementi più "organici", drammatici, anche "melodici" se vogliamo già presenti nella sua musica ma spesso letteralmente "sommersi" tra masse di sibili e ronzìi, sicuramente la sua musica aprirebbe una grossa breccia nel mio cuore. Alcuni giri armonici, di sequencer, linee di basso, alcune strutture e progressioni sono infatti assolutamente straordinarie e toccanti, come ad esempio in "Harvester of Bits", "Virus Scan", o ancora di più nell'esaltante "Hardmysticmeeting", o nella "nostalgica" (per così dire) "camminata con Klaus" della nona traccia, ma non sempre trovano lo "spazio fisico e temporale", l' "aria", la "rilevanza strategica" che meriterebbero; oppure, a volte, vengono "sacrificate" prematuramente a preponderanti miscele elettronico-rumoristiche. Dal punto di vista della curiosità è senz'altro impressionante l'effetto della "zanzara dentro la testa" ottenuto in due tracce attraverso le DPOAE (Distortion Product Otoacustic Emissions), cioè le Emissioni Otoacustiche ben descritte nelle note di copertina, seppure, è necessario dirlo, tali tracce sono evidentemente un mero esperimento sonoro mirato a far provare agli ascoltatori questo curioso e poco conosciuto fenomeno acustico. In sintesi, debbo dire che di fronte a tanta banalità che circola in ambito elettronico-sperimentale, nonostante la mia personale scarsa empatia verso sonorità d'impronta spiccatamente elettronica, la "genuina" e ispirata ricerca "sperimental-emotiva" di Fausto Balbo merita un gran plauso, e questo "Login" rimane una tra le scoperte più interessanti di questo 2012.
di Giuseppe Verticchio


Su EXTRA MUSIC MAGAZINE

Se le onde cerebrali potessero avere un suono, sicuramente sarebbe quello di ”Login”, ultimo CD di Fausto Balbo, musicista piemontese, autore di un lavoro che viaggia liberamente fino ad utilizzare input sonori mai sperimentati prima, ovvero le emissioni distorte di prodotti otoacustici, nei brani Hi Mr. Kemp e nel lunghissimo epilogo di oltre diciassette minuti, Will Future Man Can Develop a Third Ear?. Realtà e mondi virtuali si fondono, creando un'esperienza che parte dal web e dall'immaginario cibernetico, ed esplode in tutta la sua sonorità in un universo sconosciuto, ignoto. “Login”, ci guida lungo “un corridoio di porte infinite”, dove vengono celati misteri, visioni e suoni differenti, un modo di provare emozioni e di osservare cose comuni da un'altra prospettiva. ”Il Lupo della Steppa” di Herman Hesse è stato d'ispirazione, magari il punto di partenza di un viaggio immaginario, come viene definito dallo stesso Balbo. Un album di undici brani che spazia dal noisy alla modulazione di frequenza, dai disturbi sintetici ad accenni melodici, omaggi alla sci-fi con Hardmysticmeeting e a Schulze con Walkin' with Klaus. Un prodotto studiato e creato con estrema precisione, una ricerca ispirata nel mondo della sperimentazione elettronica, avvolte fin troppo banale, “Login” riesce ed elevarsi a scoperta davvero interessante. Un ascolto consigliato anche a chi non è fan di questo genere di sonorità, un viaggio ultraterreno nello spazio cosmico esistenziale.
di Flavia Pugliese


Su SENTIREASCOLTARE

Pubblicato dalla solita ammirevole stoica Snowdonia in coproduzione con Afe Records (il disco è apparso in streaming su bandcamp a luglio, la distribuzione Audioglobe è di ottobre), ecco la quinta release maggiore in dodici anni di attività discografica per il cuneese classe 1970 Fausto Balbo, a due anni da quel Detrimental Dialogue smezzato con Andrea Marutti che ci era molto piaciuto. Fausto fa stavolta con la sua elettronica glitch di ispirazione metà krauta metà industriale - ma dal taglio artiginale e fragrante - una specie di concept pessimista sul web e sul web 2.0 dei social e dei login appunto, con lo spirito di chi dopo un giro circospetto e attento corre prima possibile a fare logout, agli antipodi insomma dell'ottimismo modernista, yuppie e finto-ingenuamente pro-tecnologico del James Ferraro di Far Side Virtual. L'elettronica di Balbo è rabdomantica nel senso che si aggira zoppa alla ricerca di una forma propriamente musicale, e te la fa intuire, te la fa immaginare, restando sempre orgogliosamente al confine tra concreta pura e suono orientato/organizzato. Come già abbiamo avuto occasione di sottolineare, è questo un ambito inflazionato e rischioso, ma il nostro sa bene come costruire i suoi materiali e il risultato, per quanto apparentemente anche di base, riesce a suonare freschissimo e godibile. E' un viaggio nella rete non consolatorio da un punto di vista della dimensione sociale-comunicativa, tutto grumi, inciampi, interdizioni; più appagante forse per chi cerca davanti allo schermo la sublimazione di un'esperienza individuale/individualistica di ritiro appartato, di meditazione. Dal romanticismo austero subito ricondotto a un algido inciampare di bit di Harvester of Bits appunto, all'effetto didgeridoo di aphextwiniana memoria di Virus Scan, dalla illbient arabeggiante e misteriosa - poi addensantesi in figure quasi gobliniane - di Hardmysticmeeting, ai suoni al limite dell'infrasuono che fanno agghiacciare il gatto di Hi Mr. Kemp, dalla mimesi naturalistica e dalle krauterie di Bird's Room, al melmoso drone dub di Clozier e allo sfarfallio spacey di Walkin' with Klaus (il pezzo più formato - nel senso di musicale - del lotto). Fino ai quasi diciotto minuti conclusivi di Will Future Man Develop a Third Ear?, che stimolano lo spuntare di questo famoso terzo orecchio con un fantastico concertino di ciguettii - fischi, rumori e rumorini - che diventa poi un muro di micro-contrappunti come di grilli in trance, diciotto minuti che passano ipnotici e lisci come fossero manco cinque.
di Gabriele Marino


Su SANDS-ZINE

Ho un preciso ricordo di Fausto Balbo: Baraonda, 2005, novembre, un freddo cane, 400 persone, all’Afe party. Dietro alle sue macchine siede quest’uomo ‘non più giovanissimo’, serio come pochi al mondo, mentre spippola su tasti e manopole di sintetizzatori a me sconosciuti. Ai piedi: due calzini colorati che viaggiano su pedali dalle funzioni misteriose. La sto prendendo larga, me ne rendo conto. Ma è perché è dannatamente difficile scrivere di un disco come questo, che parte da un intento programmatico decisamente severo: «"Login" is an imaginary journey through the web, where one can explore new realities - or different views of well known stuff - on a thin line between truth and fiction.» Per realizzare il disco l’autore si auto-impone la scelta di usare solo il Nord Modular G2, nella sua versione free software (« With some creativity you can experiment with unlimited combinations to obtain a huge variety of different sounds») e approda, attraverso di esso, in molteplici territori che vanno dall’ambient quasi Jarriana al noise passando per paesaggi perfino danzerecci e musica contemporanea. Ciò che resta costante è la materia sonora, quel synth vintage che Balbo padroneggia con maestria e trascina attraverso queste inafferrabili undici tracce. Vengono ovviamente in mente i corrieri cosmici, ed un Klaus Schulze che, se indovino, è colui con il quale il Nostro passeggia nella nona traccia. Un disco che riserva anche momenti di lirica bellezza (su tutte Virus Scan e Harvester Of Bits, in odore del compagno di scuderia Raffaele Serra) direi immancabile per i cultori di questo tipo di materia sonora ma decisamente ostico per tutti gli altri: vi sfido a reggere i 17 minuti della finale Will Future Man Develop a Third Year?. Se ce la fate siete coraggiosi come questo disco. Bellissima l’idea della copertina con il nome inserito come il login di un sito internet.
di Matteo Uggeri


Su ONDAROCK

L’avevamo lasciato in coppia con Andrea Marutti (“Detrimental Dialogue”) a duettare abilmente per una densa e sfaccettata speculazione analogica. Ancora una volta, Fausto Balbo si conferma esperto sperimentatore musicale, autodidatta come molti dei più curiosi esploratori sono stati e da sempre attento alle potenzialità che la ricerca sonora può offrire a chi, beninteso, sia predisposto a carpirle. Spinto dalla tensione nel valicare le frontiere dell’immaginario, il musicista cuneese punta qui ad approfondire l’idea di un viaggio ove verità (quale? quali?) e finzione si compenetrano, in cui risulta difficile discernere tra mondo reale e realtà virtuale, lasciandoci in balia di quesiti più che mai irrisolti e irresolubili. Sviluppandosi da questi presupposti, “Login” si dimostra un coacervo di suoni inorganici cesellati con precisione matematica, che spaziano liberamente dal citazionismo pionieristico (Grossi, Schaeffer, Xenakis) al riuscito omaggio alla kosmische musik di “Walkin’ With Klaus” (Schulze, ovviamente), passando per ogni sorta di ipotesi uditiva venga contemplata in questa rigogliosa sede. Comprese tracce sparse di glitch e microelettronica moderna che vengono assemblate con gusto e cognizione di causa. Tra febbricitanti crepitii cibernetici (“Harvester Of Bits”), invenzioni sci-fi vintage (“Hardmysticmeeting”) e sequenze oniriche di matrice industrial ambient (“Fake Reality – Logout”), di volta in volta i brani vengono attraversati da filamenti impalpabili, onde sinusoidali, stralci noisy, modulazioni di frequenza, intermittenze aliene, disturbi sintetici, brandelli melodici, a riprova della grande varietà di stimoli presenti e a conferma della padronanza dei propri effettivi mezzi. Il congedo avviene tramite “Will Future Man Develop A Third Ear?”: oltre diciassette minuti di emissioni otoacustiche (DPOAE), atte ad avvolgerci in una rete fitta e ipnotica che sembra non avere mai fine, né inizio. Una texture eterogenea, dinamica, smagliante nella propria mobilità espressiva e dall’indubbia creatività. Sfoggio di una personalità forte e peculiare in uno spicchio di contemporaneità sempre più imbrigliato nelle pastoie di un’omologazione tristemente dilagante.
di Vincenzo Gaglioti


Su SODAPOP

Dopo che negli ultimi anni ha pubblicato un live assieme agli St.Ride e un disco con Andrea Marutti, Fausto Balbo incide il suo terzo disco solista che esce come collaborazione tra Afe e Snowdonia, etichetta dove aveva pubblicato i suoi primi due dischi nella prima metà dei duemila. L'elettronica suonata da Balbo è personale e merita senz'altro attenzione per la qualità delle idee e la perizia della ricerca sonora. Prendendo spunto da Hesse il disco ha come tema quello della rete che ci fa accedere a mondi diversi, ed è stato interamente registrato col software di synth monofonico gratuito Nord Modular G2 demo, facendo uso in un paio di brani di emissioni otoacustiche, capaci di dare sensazioni "tridimensionali" al suono: un'esperienza che ho sperimentato prima di leggere alcunché sul disco, e che mi ha stupito e affascinato. Musicalmente ispirato dai corrieri cosmici riletti in un'ottica attuale, Login scorre velocissimamente tra idee e suoni sempre intriganti, atmosfere mai banali, ronzii e melodie (incredibile quella di Walkin' With Klaus) per un disco maturo, interessante e godibile di pari passo con il suo peso specifico non indifferente.
di Emiliano Grigis


Su DAGHEISHA

“Anni fa lessi 'Il lupo della steppa' di Herman Hesse e rimasi rapito da una parte del racconto dove il protagonista si inoltrava per un lungo corridoio con infinite porte. All'apertura di ogni porta veniva proiettato in una dimensione nuova a lui estranea e piena di misteri, come nello scorrere della vita reale e virtuale”. Con queste parole il manipolatore elettronico nato in provincia di Cuneo presenta una release che rappresenta davvero un “ingresso” verso un mondo lontano. In fondo il rapporto tra materia e suono potrebbe essere traslato anche su discussioni sulla concezione attuale del tempo e soprattutto su come lo utilizziamo nel rispetto di quello che ci viene chiesto dalla società. Disturbi di frequenze e sibili elettronici sono le fondamenta della metamorfosi sonora di un artista che può vantare un'evoluzione davvero singolare. Rispetto alla collaborazione con Andrea Marutti ('Detrimental Dialogue') si ha l'impressione di imbattersi in una visione più ampia con emissioni otoacustiche - 'Hi Mr. Kemp' e 'Will Future Man Develop A Third Ear?' - e drammatici ronzii che accompagnano le progressioni create con il Nord Modular G2. 'Harvester Of Bits' e 'Hardmysticmeeting' i brani più accessibili di un progetto di complessa assimilazione che rasenta l'avanguardia.
Di Lorenzo Becciani.


Su DISTORSIONI

Cattura l’elemento visionario e tattile associabile al suono Fausto Balbo. La sua sperimentazione è un’abile opera artigianale capace di erigere impalcature di perfetto equilibrio giocando sulla diversità delle consistenze. La sua più grande intuizione sembra essere quella di far convergere in un giusto flusso alchemico tutta una gran serie di suoni prodotti dall’elettronica di per sé fastidiosi, starati, stridenti. Un’entropia ristabilita dal caos si potrebbe quasi pensare, un plasmare materia informe, un tentativo di rendere malleabile qualcosa che invece vuole resistere e che poi, nella sua lettura d’insieme, si rende gradevole, arrendevole, accattivante, straordinariamente armonico. L’idea di movimento, di interazione, di brulicante risveglio si nasconde in questa serie di stratificazioni compositive che ci trasportano verso una nuova percezione del rumore. Innumerevoli esplosioni controllate che sono allo stesso tempo giochi di fantasia, contrasti di colori, intersezioni calibratissime, flussi onirici. Mutamenti strutturali, geometrie frattali di scuola György Ligeti, tentativi di connessione con frequenze ultrasoniche alla Karlheinz Stockhausen. Un "Login" continuo, un’avanguardia destinata a rimanere multiforme e incompiuta, straordinariamente coerente ad un tentativo inconscio di contatto con/ collegamento a/ sintonizzazione su. E tutto si perde nella vastità rarefatta della ricerca. Un lavoro che sicuramente presenta richiami e rimandi sensoriali al monumentale “Zeit” dei Tangerine Dream per il tentativo di dare armonia ritmica a costruzioni di sintetizzatori e sequencer, per il suo procedere sinusoidale come per campi magnetici, attraverso intercalature scansionate, che a volte perdono completamente consistenza per rimanere quasi sospese nel vuoto. Le derive spazio temporali, i galleggiamenti atmosferici ricollegabili all’elemento psiche e spirito sono invece annoverabili alle lezioni Popol Vuh. Ma a parte le scontate associazioni di genere, l’artista cuneese inaugura un discorso altamente personale iniziato già con due precedenti lavori pubblicati per l’etichetta Snowdonia (“Zero” del 2000 e “Falbo” del 2005) e con una recente collaborazione, passata colpevolmente troppo in sordina, con Andrea Marutti: “Detrimental Dialogue” ancora per Afe Records (2012). I suoi giochi di interferenze, i glitch scoppiettanti hanno in realtà ben poco di alienante o di associabile a certi noiser di ultima generazione. Sono al contrario altamente comunicativi, caldi, e se vogliamo inglobanti, nel senso più ‘la-monte-younghiano’ del termine, ovvero dotati della capacità di far entrare l’ascoltatore nel flusso sonoro e farlo navigare con esso. Harmysticmeeting è un incontenibile incontro catartico tra graffiate analogiche e riverberi di tastiere mistico-orientaleggianti, gioca con la suspence e con la scomposizione particellare. La musica diventa semplicemente movimento istintivo, alterazione di staticità. Un impulso forte e incontrollato pieno di energia liberatoria che ha il suo apice in My Chatroom… My Life… My Distress, nella passeggiata cosmica che rende omaggio al compositore tedesco Schulze Walkin’ with Klaus e nella superba Will Future Man Develop a Third Ear?, una kraut-trance di oltre diciassette minuti capace di risucchiare nelle sue spire di impulsi che finiscono per diventare una specie di tester psicologico. Si parte da una serie di acufeni e crepitii urticanti che si propagano e che finiscono per incontrarsi e coordinarsi in una danza frenetica e primitiva costruita sulla variazione delle intensità. Alla fine il sibilo diventa persistente e le variazioni impercettibili, c’è un profondo senso di risucchio, di totale ancoraggio al suono stesso. Si diventa parte di esso e lo si guida inconsciamente alla dispersione finale. Un "Login" non per tutti i palati ma assolutamente intenso e originale destinato a sconvolgere la nostra idea di equilibrio, armonia e dissonanza.
Di Romina Baldoni.


Su MAGMUSIC

Il processo di login non implica esclusivamente l’atto di ritrovarsi all’interno dei propri database tecnologici. Per quanto concerne un CD del genere significa anche chiudere gli occhi e avvicinarsi al linguaggio della mente, se non ad un singolo pensiero, lungo un’ottica accostabile all’elettronica, a volte tendendo all’avanguardia. Se ti chiami Fausto Balbo e giungi al terzo album in studio, chiamato proprio “Login“, è evidente come questo intento raggiunga livelli molto soddisfacenti. Certo, il timore di sfociare in qualcosa che rischi di non essere considerabile come musica c’è sempre, come per chiunque, ma c’è un certo piacere nell’avventurarsi nel tech- ambient di Harvester of Bits e il Virus Scan tipicamente matmosiano e aphextwinesco che porta al tripudio di transistors e circuiti che muove la simil-gotica Hardmysticmeeting, l’autechresca My Chatroom… My Life… My Distress e la cupezza horror della doppietta Bird’s Room–Clozier’s Room, gli Ozric Tentacles in versione uplifting trance di Walkin’ with Klaus, fino alla ninna nanna agonistica di Fake Reality – Logout che lascia l’ardua sentenza alla fine delle trasmissioni, fatta di un solo quesito: Will future man develop a third ear?. Per uno strano mondo, eppure interessante, come quello di Balbo, non si esclude. Un’insolita musicoterapia poco adatta ai deboli d’ascolto.
Di Gustavo Tagliaferri


Su OUTSIDERSMUSICA

La musica di Fausto Balbo arriva come una cascata. O una tempesta. Quel che è certo è che una volta cominciato l’ascolto di Login, opera terza dell’autore che vive sperduto tra i monti, pubblicata per Snowdonia, si accede immediatamente a una dimensione aliena, risucchiati da un magma sonoro denso e magnetico. Chi non conosce ancora Balbo, e non ha la benché minima idea di ciò in cui sta per imbattersi, metta l’anima in pace ed abbandoni ogni idea canonica riguardante la musica italiana più o meno indipendente, il songwriting, il cantautorato e quant’altro, non troverà niente di tutto questo. Si troverà invece ad intraprendere un viaggio, attraverso il tempo, lo spazio e le dimensioni, traghettato da una scia di suoni, rigorosamente elettronici, così maestosi e ben architettati da sembrare partoriti da una vera e propria orchestra. Più che un musicista Balbo è dunque un compositore e Login suona come una partitura post-moderna dove i sintetizzatori si sostituiscono agli strumenti con risultati eccezionali. In realtà tutto ciò che è stato utilizzato per la composizione di questo disco non è altro che un sintetizzatore modulare virtuale in free software (un Nord Modular G2 Demo), elemento che aiuta a comprendere ancora di più il talento compositivo dell’autore, capace di dosare e cesellare ogni suono fino a raggiungere perfette alchimie in cui ogni pulsazione, ogni riverbero e ogni vibrazione sembrano scaturire da una sorgente pura e incontaminata. Un viaggio metafisico, introspettivo, etereo e fluttuante attraverso complessi labirinti sonori, porte dimensionali che si aprono su mondi lontani e inesplorati, astronavi interspaziali oltre i confini della realtà. La scuola è quella dei grandi maestri del suono sperimentale, su tutti Schulze (come testimoniato dalla stessa Walkin’ with Klaus, un magmatico ribollire di frequenze sonore stratificate) e Stockhausen, così come gli Autechre più esoterici, Aphex Twin, Murcof, passando per il Battiato sperimentale degli anni 70. La titletrack Login è un vero e proprio decollo, fatto di pulsazioni sincopate e suoni intermittenti, come di spie lampeggianti. C’è poi il crescendo di Virus scan, aperto da sussulti di microsonorità liquide che si espandono via via in lunghi e impalpabili tappeti sonori fino all’esplodere, improvviso e violento, di laceranti vagiti cosmici. Hardmysticmeeting è forse il pezzo più autechriano, generato da cadenze ipnotiche e ossessive dal sapore acido-lisergico. Disturbi di frequenze e intermittenze da iperspazio fanno di Bird’s room la traccia più straniante mentre la glaciale Fake reality – Logout chiude il cerchio con un etereo e libero fluttuare molecolare. Per chi volesse inoltre mettersi alla prova, questo disco rappresenta anche una sorta di test da sperimentare sulle proprie capacità uditive, grazie all’utilizzo delle DPOAE (Distortion Product Otoacoustic Emissions) in Hi Mr. Kemp e Will future man develope a third ear?. Come spiega lo stesso Balbo nella nota di presentazione dell’opera: Le Emissioni Otoacustiche sono emissioni spontanee all’interno dell’orecchio umano… Chi ha l’apparato uditivo in buona salute, ascoltando questi due brani, avvertirà una sensazione simile ad un “ronzio”, come se avesse una zanzara all’interno della propria testa, ma meno fastidioso e per nulla dannoso. Per concludere, l’autore stesso fornisce alcuni suggerimenti per una fruizione ottimale dell’opera, sconsigliando caldamente l’ascolto in cuffia e propendendo per un ascolto stereo in una stanza non troppo rumorosa. Cosa chiedere di più? Un disco che continua a sorprendere ascolto dopo ascolto, miniera pressoché infinita di sonorità, in cui ogni pezzo rappresenta in sé un microcosmo indipendente, costituito da un sound in continua evoluzione, liquido e cangiante.
Di Marco Salanitri.


Su BLOW UP #176



Su VIVA MAG Aprile 2013